Top 5 Trend di marketing B2B nel 2021

Tutti i marketers che lavorano nel B2B devono adattarsi all’accelerazione del digitale, dell’IA, dell’automazione e della centralità del cliente. Ecco alcuni consigli per essere sempre aggiornato e competitivo.

La pandemia COVID-19 ha indotto i marketer B2B ad aggiustare il tiro, riesaminando strategie e processi. Il panorama del marketing B2B è cambiato tantissimo rispetto all’inizio dello scorso anno. La pandemia ha accelerato alcune tendenze e ribaltato alcuni canoni, portando i professionisti del marketing a trovare nuove soluzioni.

Detto questo, esaminiamo i 5 trend che i professionisti del marketing B2B dovranno, che gli piaccia o no, considerare nel prossimo anno (e probabilmente anche più avanti).

1) L’accelerazione del digitale

Dal momento che i classici eventi sono fermi, i marketers si sono rivolti a eventi virtuali, video e canali di digitali per connettersi con i clienti. L’utenza internazionale si è abituata più che mai ad utilizzare i nuovi strumenti di connessione con brand e aziende: blog, webinar, podcast, live e tanto altro.

Secondo i dati raccolti da “The CMO Survey”, l’85% dei marketers ha osservato una considerevole apertura a nuove offerte digitali durante la pandemia e l’84% ha attribuito un valore maggiore alle esperienze digitali.

Mentre prima la linea digitale poteva essere solo una piccola parte della strategia complessiva, ora i marketer B2B devono abbracciare più di un focus digitale per rimanere attuali e competitivi.

2) L’importanza del content marketing

Con l’accelerazione digitale, anche il content marketing sta assumendo un’importanza crescente, i clienti e i potenziali clienti consumano sempre più contenuti online. A che tipo di contenuto rispondono le persone?

“Statista” ha scoperto nell’agosto 2020 che il 27,2% degli spettatori di tutto il mondo ha guardato più di 10 ore di video online su base settimanale.

Contenuti brevi e informativi possono esprimere un punto in modo chiaro e potente.

I video, tuttavia, non sono l’unica opzione disponibile. I webinar hanno preso il posto degli eventi dal vivo durante la pandemia. Secondo le statistiche di Edison Research e Triton Digital, il 2020 ha visto il tempo medio trascorso settimanalmente sui podcast salire a 6 ore e 39 minuti.

Infografiche, quiz, sondaggi e altri contenuti interattivi possono aiutare il tuo marchio a distinguersi, per i brand più grossi invece, l’uso della realtà virtuale o realtà aumentata aiuterà l’immersione del pubblico dentro all’immaginario costruito.

Anche la parola scritta rimane importante, poiché i marketer B2B contattano tramite e-mail, pubblicano leadership di pensiero e articoli sui blog. Man mano che il web si satura di contenuti, è necessario porre più investimenti e enfasi su SEO e SEM, soprattutto in tre aree chiave:

  • Ricerca semantica: una ricerca che si concentra sul significato delle query di ricerca piuttosto che semplicemente sulla corrispondenza delle parole chiave
  • Intento di ricerca: l’obiettivo principale di una query di ricerca
  • Ricerca vocale: utilizzo di un comando vocale per una query di ricerca

3) Marketing basato sull’intelligenza artificiale e automazione del marketing

Gli strumenti di intelligenza artificiale e machine learning e automazione del marketing aiutano i team di marketing a fare di più con meno, risparmiando sul budget e ampliando la loro portata. Può aiutare nel targeting, segmentazione, personalizzazione, punteggio lead, analisi predittiva e persino generazione di contenuti.

Statista afferma che il mercato globale del software AI vedrà una crescita di circa il 54% anno dopo anno. Alla fine, raggiungerà circa $ 22,6 miliardi, con un’adozione diffusa in tutto il mondo degli affari.

Sempre più organizzazioni utilizzeranno l’intelligenza artificiale e l’automazione piuttosto che essere lasciate indietro dalla concorrenza.

4) Il marketing incentrato sul cliente

Il COVID-19 ha costretto molti professionisti del marketing a porre l’accento sulla divulgazione ai clienti di informazioni e soluzioni utili piuttosto che sulla semplice generazione di lead. L’empatia e la necessità di collaborazione hanno guidato gli sforzi di sensibilizzazione e i modi in cui viene offerta l’esperienza cliente.

Gli esperti di marketing si sono inoltre focalizzati sulla fidelizzazione dei clienti attuali piuttosto che sull’acquisizione di nuovi. Il retention marketing ha svolto un ruolo fondamentale nel mantenere coinvolti l’attuale clientela e nel costruire con essa un rapporto più profondo e duraturo.

La personalizzazione e i contenuti pertinenti aiutano a dimostrare al cliente che viene compreso dall’azienda, empatizzando sui loro punti deboli e sul difficile momento che stanno attraversando. È molto comune nel 2021 lo sviluppo ulteriore dei rapporti commerciali già esistenti, attraverso il marketing basato sull’account (ABM).

5) Il marketing basato sull’account

Piuttosto che lanciare un’ampia rete e rivolgersi ad un intero settore, i professionisti che lavorano in ABM concentrano i loro sforzi di marketing e vendita solo su pochi clienti chiave. Consente una maggiore personalizzazione e individualizzazione degli eventi, che può aiutare a generare più conversioni.

Identificare e mirare potenziali clienti non è nulla di nuovo nel B2B marketing, ma ciò che è cambiato oggi è la tecnologia, che rende disponibili dei tool appropriati all’attualizzazione di strategie di account-based marketing in modo molto più ampio e mirato.

Domandaci quello che vuoi!

Ti risponderemo entro 24h!

Leggi gli ultimi articoli

Nel blog di Axtral troverai articoli che ti aiuteranno a capire meglio il mondo del web. Dall’importanza di avere un sito web, al metodo di scelta dei social da utilizzare per le campagne. Dacci un’occhiata! Vai al blog ›